UN’AVVENTURA NELL’ AVVENTURA

 

Aggiornamenti tecnici:

Un paio di giorni fa ho dovuto affrontare il mio primo ostacolo lungo la desertica Stuart Highway Australiana…

Come sapete, il mio carrettino é la mia casa, tutto il mio mondo é racchiuso lí dentro. Ma, molto spesso, é proprio il mio atipico mezzo di trasporto a causarmi qualche problema.
Un paio di giorni fa, macinando Km nell’outback australiano, mi sono ritrovato con una ruota completamente a terra: il copertone della mia ruota sinistra si é completamente lacerato con uno scoppio incredibile, danno probabilmente dovuto ad un difetto di fabbrica ( é la prima volta in un anno e mezzo che mi capita una cosa simile).
Essendo costretto a portare con me circa 20 litri di acqua per via dell’ambiente quasi completamente desertico che ora mi circonda, sono stato obbligato ad alleggerire il carico del mio carretto, portando con me solo il minimo indispensabile…. Insomma non avevo a disposizione un copertone nuovo da sostituire a quello ormai fuori uso.

La mia fortuna nella sfortuna é stata quella di essere in compagnia di un altro fantastico camminatore, Mats Andren, il cui aiuto é stato per me di estrema importanza.
Possedendo lui un carrettino-passeggino a 4 ruote, abbiamo avuto la brillante idea di togliere uno dei suoi ruotini per metterlo al mio carretto ed utilizzare tutto il peso possibile per bilanciare il suo passeggino mancante di una ruota.
Abbiamo camminato in questo modo per una giornata intera… É stato faticoso, ma nello stesso tempo divertente!
Infine sono riuscito a prendere un bus che mi ha riportato indietro a Katherine, la piú vicina città oltrepassata e lí ho trovato quello di cui avevo assoluto bisogno: in un negozio di camping sono riuscito ad acquistare finalmente un copertone nuovo!

Ostacolo superato,
La strada continua.

Sorridete sempre

About the author: Mattia Miraglio

4 comments to “UN’AVVENTURA NELL’ AVVENTURA”

You can leave a reply or Trackback this post.

  1. Paolo baruffol - 3 settembre 2015 at 22:35 Reply

    Ciao Mattia
    Conosco bene l’Australia fatta in parte in bici ma occhio al cuore di essa: attorno ad Alice Springs non c’è una mazza x 400km!!! Quindi non c’è da scherzare perché aiuti pochi visto che passa un auto ogni terno al lotto. La sera fuochi sempre alimentati e circoscritti. Serpenti e scorpioni la sera escono per cui guardare bene l’attrezzatura al mattino… Protetto dal sole, sempre! Il resto è emozione pura! Terra rossa e solitudine. Ps non fotografare gli aborigeni. Non guardarli molto

    • Mattia Miraglio - 25 settembre 2015 at 12:51 Reply

      Si Si sto provando tutto sulla mia pellaccia. è vero nel mio carretto ho già trovato un paio di sorprese. Cerco di non pensarci troppo però. Tra 3 giorni sarò a Coober Pedy. c’è davvero poco si.
      grazie dei preziosi consigli.

  2. Daniela Brocca - 25 agosto 2015 at 00:53 Reply

    Meno male che è andato tutto bene. Allora hai ritrovato Mats, perchè mi sembrava che vi foste lasciati, a inizio agosto. Ti seguo con grande interesse dall’inizio. Stai attento, eh!

  3. Pierluigi Costa - 25 agosto 2015 at 00:12 Reply

    Ciao Mattia,
    io continuo a mandarti il mio tradizionale “”ULTREYA “”! e da quando so che sei in compagnia di Mats…..gli ultreya sono sempre DOPPI ……con doppi sorrisi ( ovviamente !!!) visto che il problema del copertone è risolto a questo punto un “”DOPPIO ULTREYA “”!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.